Consenso all'uso dei cookie

Tu sei qui

Un altro modo di fare politica

Idee forti per il futuro dell’Italia e dell’Europa

La lista di Contare di+
Francesco Galtieri, Candidato Capolista
per l’assemblea di +EUROPA
verso il Congresso di Milano, 25-27 gennaio 2019

Come stiamo insieme farà la differenza

Ci impegniamo in +Europa, perché abbiamo deciso di fare politica in modo diverso. Perché ci sentiamo diversi - o uguali a te.

Diversi da quanto visto in passato, perché attenti ad ascoltare e lavorare con le persone che affrontano la vita nel quotidiano, facendo politica di prossimità, nei territori.

Diversi o uguali a te nel modo di impegnarci e mobilitare gli altri, affinché chi si investe sia protagonista e non semplice spettatore o tifoso, che viva in Italia – cittadino o no, o che viva all’estero.

Diversi o uguali a te nel modo di elaborare proposte ed iniziative politiche, in grado di anticipare il futuro; frutto di dialogo e sintesi di punti di vista di vari attori.

Diversi o uguali a te nell’essere fieramente italiani ed europeisti, per dare centralità ai cittadini europei prima ancora che alle ingegnerie istituzionali, per definire le ambizioni e le speranze dell’Europa di domani.

PER NOI PIÙ EUROPA È UNA COMUNITÀ allargata ed orgogliosa della propria identità, che accoglie. Perché è l’unico modo con cui si può stare insieme nella diversità.

IN CONTATTO con le persone e con il mondo che cambia. Fisica nel prendersi cura dell’altro, aperta ad ascolto e condivisione.

MERITOCRATICA nel riconoscere l’impegno della militanza e sempre coerente con i valori della convivenza civile e del rispetto reciproco.

RESPONSABILE perché non lascia nessuno indietro, perché fa e propone politiche che guardano alla sostenibilità nel tempo e nell’uso delle risorse.

Solo se saremo in tanti a prenderci un pezzetto di responsabilità - dal condominio all’Europa - riusciremo a far fronte al bisogno di ricostruire la voglia di stare insieme, lavorando ad un progetto di società comune, la cui mancanza ci rende oggi così distanti dalla politica anche perché siamo sempre più lontani gli uni dagli altri.

Scarica il documento completo

CIÒ CHE DOVREBBE UNIRCI TUTTI

I 10 punti che faranno la differenza

  1. UNA PIATTAFORMA CHE ABILITA
    Perché +EUROPA aggreghi le migliori esperienze civiche e politiche

  2. LEADERSHIP PLURALE
    Solo una squadra coesa può fare la differenza

  3. UN PARTITO LOCALE, NON LOCALISTICO
    Cambiare in meglio il quotidiano delle persone

  4. INVESTIRE IN FORMAZIONE
    Dobbiamo tutti imparare a fare politica diversamente

  5. PARITÀ DI GENERE
    Costruiamo un partito che assomiglia alla società che vorremmo

  6. È LA TECNOLOGIA, BELLEZZA!
    Che strumenti per un partito di iscritti sparsi in tutta Italia e oltre?

  7. INIZIATIVE POLITICHE E MOBILITAZIONE
    Superare se stessi per aggregare mondi diversi

  8. UNA COMUNICAZIONE CHIARA E COSTRUTTIVA
    Parlare al cuore per superare le paure

  9. DEMOCRAZIA INTERNA E TRASPARENZA
    Comportarci noi per primi secondo i valori che promuoviamo in Italia e in Europa

  10. DIALOGO CON GLI ALTRI
    Sviluppare credibilità e capacità di influenzare il dibattito politico

I candidati di Contaredi+ per l'assemblea di +Europa

Francesco Galtieri
Francesco Galtieri
+
  • Dopo 15 anni come funzionario delle Nazioni Unite trascorsi tra Paesi in conflitto ed emergenze umanitarie, Francesco (41) ha deciso di ritornare in Italia ed impegnarsi in politica, dimettendosi da una carriera che lo appassionava per prendersi un pezzo di responsabilità da cittadino
  • Appassionato di partecipazione civica, ha coordinato il 60% dei volontari delle Nazioni Unite, gestendo il 40% del personale civile internazionale delle operazioni di pace dell’ONU e facilitando la partecipazione diretta dei cittadini di 26 Paesi alla formulazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
  • Nel 2017 ha fondato Movimenta, di cui è il Coordinatore nazionale, perché crede che la politica debba accompagnare tutti ad immaginare un futuro per il quale valga la pena impegnarsi in prima persona. Nello stesso anno, è entrato a far parte della Direzione nazionale di Radicali Italiani, dove si è arricchito dell’esperienza, dell’impegno e della creatività di un movimento che ha catalizzato – e continua a farlo – tanti cambiamenti positivi nella società italiana ed in Europa con la forza di un’iniziativa politica coerente ed aperta, per le strade e nelle istituzioni
  • Nel 2018 ha fermamente creduto in +Europa, diventandone il capolista in America centrale e settentrionale e contribuendo a far raggiungere alla lista l’8% negli Stati Uniti, volando 30,000 Km in tre settimane di campagna in giro per il continente nord americano
  • Ha un Ph.D. in africanistica dell’Università Orientale di Napoli, parla sei lingue e crede fermamente che l’empatia tiri fuori il meglio di ciascuno di noi e degli altri
Riccardo Angelini Rota
+

 

Riccardo è un ingegnere che divide il suo tempo tra stabilimenti industriali e attività di ricerca.  Da 5 anni lavora nella principale azienda di difesa Italiana dove si occupa di Project e Risk management con particolare riferimento agli aspetti di Environment, Sustainability e  Business Continuity. Ha un Dottorato di Ricerca conseguito alla Sapienza svolgendo parte della ricerca presso il MIT di Boston dove ha sviluppato un metodo innovativo che usa gli Algoritmi Genetici per la validazione di modelli numerici avanzati. E’ docente in diversi Master di II livello, e per i temi della ricerca collabora stabilmente in Italia con la Sapienza e negli USA con il Virginia Tech. E’ relatore in diverse conferenze internazionali  ed ha sviluppato e seguito vari progetti di ricerca Europei. Imprenditore agricolo mancato, ama i cavalli, la fotografia, i viaggi e un giorno vorrebbe tornare a coltivare la sua terra!

Antonino Barbera Mazzola
+

Antonino (35) sceglie +Europa per difendere e promuovere le opportunità che un continente senza frontiere ci ha dato
Ha studiato a Milano, Copenaghen e Budapest; e lavorato a Londra e Bruxelles – dopo essere cresciuto in Sicilia – non male l’Europa unita, eh!
Sogna un mondo dove tecnologia, istruzione e tutela dei diritti rendano ciascuno libero di esprimersi e realizzarsi
Si rende conto che la UE funziona per molti ma non per tutti e vuole spendersi per colmare questo vuoto

Alessandro Beltrami
+

Mi sono sempre diviso tra tecnologia e management, spendendo il tempo libero nel sociale, dove mi sono avvicinato al Diritto Internazionale Umanitario. Attento ai temi etici, ho una grande passione per la comunicazione visiva. Troppe cose? Forse.
Potrei citare i linguaggi di programmazione che conosco, le aziende che ho fondato e lasciato, la fase pioneristica del multimedia (anni '90 - bei tempi), i progetti di restauro di manoscritti antichi, le consulenze tecniche per grandi multinazionali Europee, ma potete annoiarvi con queste cose su LinkedIn.
Due esperienze su tutte: 1) Ho rappresentato per 7 anni l'Italia in un comitato tecnico ISO dove mi sono trovato a collaborare con colleghi di 30 nazionalità diverse; 2) Due anni fa ho lasciato la soffocante Italia per diventare impiegato (prima volta nella mia vita) in una multinazionale. Ora rappresento la Spagna nello stesso comitato tecnico ISO, perché sono le persone a fare la differenza, non le bandiere. Mi sento molto Europeo.

Alessio Borsotti
+

Sono semplicemente un Radicale Liberale Liberista...Borghese.

Marco Cardona
+

Avvocato specializzato in diritto dell’impresa (societario, industriale e commerciale).
Organizzatore di eventi musicali.
Cantante.
Attivista politico, liberal-socialista.

Giuseppe Carullo
+

Giuseppe Carullo nasce a Napoli il 18 Febbraio 1985. 
Si laurea in ingegneria meccanica alla Federico II e collabora con l’università per portare avanti progetti di ricerca in industria 4.0. 
A 26 anni segue un corso sull’imprenditoria giovanile alla Luiss Business School dalla cui esperienza nasce uno tra i più importanti incubatori italiani,LUISS ENLABS. 
Si occupa di progettazione, simulazioni virtuali, digital twin e partecipa nel 2017 al primo master in industry 4.0 e internet of things alla Luiss. 
La valorizzazione del Mezzogiorno, del progetto europeo e delle potenzialità delle giovani generazioni rappresentano la sua priorità.  
Il calcio è la sua grande passione e un bagaglio ricco di valori -  sacrificio, spirito di squadra, disciplina - che animano le sue azioni. 
Sogna un giorno di vivere in una società con imprenditori illuminati e visionari come Adriano Olivetti. 
Ama la citazione di Ezra Pound: «se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui».
Crede nella costruzione di un pensiero collettivo e nel coraggio di cambiare disegnando nuovi orizzonti.

Lorenzo Catalano
+

Lorenzo (23) è un cittadino europeo nato e cresciuto nella Locride, in Calabria.

Ha conseguito una laurea triennale in International Economics all'Università Bocconi e sta completando un master in Interational Economics Policy presso Sciences Po Paris.
Nel prossimo futuro, vorrebbe proseguire i suoi studi focalizzandosi sulla Macroeconomia.

Negli ultimi anni ha militato in un partito che si diceva di centro sinistra, ma forse si sbagliava.
Ha seguito la campagna elettorale  per le elezioni politiche della scorsa primavera supportando i candidati di +Europa nella circoscrizione Europa.

Crede che la politica sia l'attività più alta a cui l'individuo possa dedicarsi ed è convinto che l'ascolto e le relazioni umane siano suoi elementi imprescindibili.

Ritiene gli Stati Uniti d'Europa una necessità , pressante, e l'unica via per la resistenza delle democrazie europee al ripiegamento della globalizzazione.

Ama viaggiare come strada maestra per accrescere la coscienza di sé e del tutto.

Andrea Chiarello
+

Nato ad Arzignano (VI), Andrea si laurea in Studi Europei all'Università di Padova, con un anno Erasmus a Strasburgo, e ottiene un Master in Diplomazia UE al Collegio d'Europa di Bruges. Lavora attualmente a Bruxelles dove si occupa di relazioni istituzionali europee per una casa farmaceutica. Andrea era tra i coordinator della campagna per le politiche di Marzo 2018 risultata nell'elezione di Alessandro Fusacchia in Parlamento.

Livia Conte
+

Pianista, docente presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, una Laurea in Lettere moderne nel cassetto della memoria. La mia attività artistica mi ha portato in giro per il mondo e mi ha permesso di fare esperienze di tipo diverso.
A questo ho sempre affiancato un impegno costante nel seguire l'evoluzione della legislazione italiana nel campo artistico, fin da prima dell'approvazione della legge 508 del 1999 -con l'impegno nel direttivo dei Comitati per la Riforma- partecipando alle audizioni della commissione cultura e seguendo l'evoluzione dei decreti attuativi.

Grazie a mia figlia, 19enne, mi sono interessata al susseguirsi delle riforme del sistema scolastico, cercando di farmene una ragione!
Negli anni '92-'93 ho fatto parte di uno dei primi esempi di partecipazione della "società civile" in una campagna politica sostenendo attivamente, con un gruppo di amici, la candidatura di Valentino Castellani a Sindaco di Torino.

Federico D'Anneo
+

Di professione avvocato, vive a Ferrara ed è un curioso di ogni cosa che incrocia sulla sua strada

  • Dal 2009, in forma volontaria, dirige la Fondazione Forense Ferrarese con la quale, oltre ad organizzare eventi formativi per gli avvocati e per i giovani tirocinanti, promuove e sostiene per la cittadinanza progetti culturali sul tema dei diritti e dell’impegno sociale
  • È appassionato di futuro. Pensa che l’intelligenza artificiale sia una grande opportunità per tutti ma che sia assolutamente necessario stabilire le regole etiche da applicare all’Algoritmo per non violare i diritti umani
  • A settembre 2018 è salito su un pullman per un viaggio politico creativo e collettivo da Catania a Palermo organizzato da Movimenta ed ha incontrato là molte belle persone che oggi ritrova nella lista “contare di +
  • Prima di fare l’avvocato ha avuto esperienze di attore. È stato cofondatore di una compagnia di Teatro Ragazzi ed ha scritto, per concludere il suo percorso artistico, un monologo sull’amicizia ispirandosi all’Acciarino Magico di Hans Christian Andersen
  • Crede che l’istruzione sia la cosa più importante per far crescere un paese e che con l’entusiasmo e la passione ogni individuo possa cambiare il mondo 
Emanuele De Pasquale
+

Emanuele ha 19 anni e una passione per la politica che si porta dentro da quando era piccolo.

Attualmente studia giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Palermo e si occupa di consulenza legale alle imprese presso la Junior Enterprise della stessa università.

In futuro gli piacerebbe occuparsi di politiche pubbliche e relazioni internazionali, magari nelle Istituzioni europee, ma resta curioso verso ciò che la vita gli riserverà.

Si definisce liberale, progressista e convinto europeista.

Crede profondamente che l’impegno quotidiano di ciascuno sia determinante per generare un impatto positivo sulla società in cui viviamo.

Gli piace imparare ogni giorno nuove cose negli ambiti più disparati e, per questo motivo, è convinto che l’apprendimento costante di nuove conoscenze e competenze debba far parte della vita di ogni cittadino.

Nel tempo libero adora viaggiare e scoprire posti nuovi. Gli piacciono le lingue, l’informatica, il cinema, la fotografia, l’aeronautica, la lettura."

Attilio Di Battista
Attilio Di Battista
+
  • Un anno e mezzo fa Attilio (30) ha deciso di passare dalle parole ai fatti, dai social alla vita reale, fondando Movimenta e sostenendo +Europa alle ultime elezioni. La decisione l’ha presa su una terrazza di fronte al mare del Cilento, in uno dei tanti borghi italiani che trasudano bellezza, ostinazione e una profonda volontà di riscatto
  • Pescarese di origini, è sposato da tre anni e innamorato da dodici. Di fatto ambasciatore BlaBlaCar, fa la spola tra Torino e Ginevra, dove in passato ha conseguito una laurea in economia internazionale presso il Graduate Institute of International and Development Studies, e dove vive dal lunedì al venerdì lavorando per il World Economic Forum. Si occupa di aiutare governi e aziende di tutto il mondo ad immaginare come dovranno cambiare la nostra economia e la nostra società per adattarsi all’accelerazione tecnologica e agli sconvolgimenti politici dei nostri tempi
  • Ha un passato da pallavolista e un futuro remoto da velista
Salvatore Di Dio
+

Salvatore (35) Architetto, ingegnere e ricercatore nell'ambito dell'innovazione urbana e sociale. È passato dalla scuola di architettura di Porto al sistema Casaclima di Bolzano, dal dottorato in fisica tecnica ambientale di Palermo al MIT di Boston, dall'imprenditoria sociale di Torino all'acceleratore di Google e Hyper Island di New York.
Nel 2013, con alcuni amici, ha fondato a Palermo ""PUSH"", laboratorio di design per l’innovazione che lavora con la Commissione Europea e le Nazioni Unite. 
È sposato con Caterina, ha tanti sogni e (molti) li vuole realizzare in Italia.

Maria Cristina Fabbricatore
+
  • Maria Cristina nasce a Napoli il 31  Marzo del 1984. Dopo aver terminato gli studi al liceo classico “Antonio Genovesi” si specializza in Ingegneria Aerospaziale ed Astronautica presso l’Università degli studi di Napoli Federico II.
  • Nonostante le proposte lavorative all’estero, decide di non lasciare la sua città ed avvia la sua carriera nell’ambito della consulenza ingegneristica lavorando per diverse società di consulenza campane. Ha così modo di confrontarsi con grandi realtà aziendali internazionali leader dei settori aeronautici e ferroviari, prestando servizio sia sul territorio nazionale sia all’estero. Collaborando a progetti internazionali, si confronta quotidianamente con professionisti provenienti da tutto il mondo.
  • Crede nel ruolo chiave che gioca l’Unione Europea per lo sviluppo del Mezzogiorno e in generale dell’Italia, per essere competitivi su un mercato mondiale in rapida espansione e sempre più aggressivo.
  • Sensibilissima alle tematiche che riguardano il lavoro, ritiene che la creazione di posti di lavoro e la tutela dei diritti dei lavoratori in Italia debba essere priorità assoluta per il governo affinché ogni cittadino possa mantenere la propria dignità ed il benessere della collettività possa essere preservato.
Sara Fasolo
+

Sono nata a Venezia il 2 marzo 1997, ci sono cresciuta e ho iniziato ad appassionarmi alla politica da ragazzina, nello specifico al mondo radicale, a partire da una raccolta firme per promuovere i Referendum Radicali sulle Libertà Civili e la ""Giustizia Giusta”, organizzata in maniera indipendente con amici quando avevo 16 anni.
Mi sono trasferita a Roma tre anni fa, e qui studio infermieristica. Mi sento cittadina europea perché parlo 5 lingue, perché ad aprile parto con il programma Erasmus, perché credo che l’Europa sia la mia casa.
Mi piacerebbe in futuro partire con Medici senza frontiere per aiutare chi non gode dei diritti, delle libertà e dei progressi che l’Europa garantisce a noi. Nel frattempo sostengo il partito (l’unico) che ha compreso appieno l’importanza di più Europa.

Edoardo Garofalo
+

Nato a Grosseto il 16 settembre 1986. Vissuto in un piccolo paese turistico con tutti i pro e i tanti contro che può comportare. Ho frequentato due anni la facoltà di scienze politiche a Perugia interrompendo gli studi nel 2007 e riprendendoli nel 2018 a Siena. Ho viaggiato in 10 nazioni zaino in spalla per 1 anno e mezza circa di viaggio. Parlo spagnolo e inglese. Mi impegno in attività politica sul territorio attraverso una associazione territoriale dal 2017.

​Gerardina Iannazzone
+

(1960)  Laureata in Scienze Politiche presso l' Università degli Studi di Salerno con una tesi di Laurea in Scienza della Politica dal titolo "Le condizioni politiche della solidarietà nazionale".  Dal 1988 insegnante presso diversi Istituti di Istruzione Superiore,  nel 1993 consegue  a Venezia l' Abilitazione all'insegnamento di discipline giuridiche ed economiche nella Scuola Secondaria  .  Ha partecipato a numerosi corsi di aggiornamento ed  ha ricoperto  il ruolo di funzione strumentale per la documentazione didattica e per la formazione in servizio  presso l' Istituto Professionale "B.Montagna" di Vicenza.  Attualmente docente a tempo indeterminato di discipline giuridiche presso l' Istituto di Istruzione Superiore " Boscardin" di Vicenza.

Norman
Norman La Rocca
+
  • Cittadino d’Europa con famiglia in Belgio e lavoro in Italia, Norman lavora da 15 anni come consulente e docente per imprese e università nell’area del marketing. Capire come cambiano società e mercati e offrire alle imprese e alle organizzazioni soluzioni per crescere intercettando tali cambiamenti è una sfida che lo appassiona da sempre. Specie se queste soluzioni incontrano i valori in cui anch’egli crede da sempre, come l’etica e la responsabilità sociale d’impresa.
  • Phd in Marketing e Comunicazione d’impresa, porta in dote al sogno europeista di +Europa, gli anni di insegnamento all’Università Vita-Salute San Raffaele, all’Università di Parma / il Sole 24 Ore, all’Università di Firenze, oltre che i 7 anni di direzione Marketing per una stupenda PMI italiana.
  • Tra le esperienze alle quali tiene di più, quelle a cavallo tra docenza e direzione aziendale in ambito universitario che ha maturato come ideatore, fondatore e responsabile di strutture di interfaccia università-impresa. Tra esse, il Laboratorio Filosofia-Impresa e il Business Sense Lab dell’Università Vita-Salute San Raffaele. Esperienze mosse dalla duplice, fortissima, convinzione che la riduzione del gap università-impresa e l’immediata impiegabilità dei giovani, siano obiettivi a portata di mano e un volano su cui poter innestare la crescita economica e sociale dei territori in cui gli atenei operano.
  • +Europa è la sua prima esperienza politica in assoluto, nella quale vorrebbe portare tutti i sogni, le speranze e i progetti dei tanti ragazzi e dei tanti colleghi che, sia nell’università che nell’impresa, ha avuto la fortuna di conoscere in tutti questi anni. Un’esplosione di energia e creatività che, se incanalata nel modo giusto, ha tutte le carte in regola per far radicalmente cambiare volto al nostro Paese, capitalizzando le sue eccellenze e facendolo finalmente tornare, seriamente, a crescere.
Giorgio La Rosa
+

Giorgio (27) fa parte del Consiglio Direttivo del gruppo +Europa a Bruxelles, con cui ha fatto campagna elettorale alle scorse elezioni politiche. Reclutato dall'Istat come rilevatore all'ultimo censimento nazionale, ha bussato porta a porta a decine di cittadini: sentendo le loro storie ha capito che non c'è più tempo da perdere.

Da bambino nutriva il sogno di diventare il primo presidente italiano degli Stati Uniti d'America. Crescendo ha scoperto che una legge glielo impediva. Per cambiarla, si è iscritto a Giurisprudenza. Oggi si nutre di e-Privacy, cinema e pizza 4 formaggi.

Ha vissuto in Slovenia, Germania, Olanda, Francia e (ora) Belgio, ma guai a toccargli la sua Sicilia. Due volte studente Erasmus (Ljubljana e Mainz), nel 2015 ha difeso la sua tesi di laurea a tema "Cybercrime: criticità regolamentari in ambito europeo e internazionale."

Tra il 2015 e il 2017 ha lavorato presso agenzie ed istituzioni europee che si occupano di Mercato Unico Digitale, concentrando la sua attività sui dossier legislativi relativi alla protezione dati ed alla privacy online.

Porta con sé una decennale militanza nel gruppo scout del suo quartiere a Catania, suona la batteria ed è appassionato di hiking e giochi di ruolo.

Chiara Maiorino
Chiara Maiorino
+
  • Chiara (35) incontra +Europa durante la campagna elettorale 2017 e, convinta che questo movimento rappresenti un’alternativa valida a cui affidare il proprio voto, ne diventa attivista sin da subito
  • Laurea in Biotecnologie Mediche, PhD in Neuroscienze, è specializzata in trasferimento tecnologico nel settore Scienza della Vita.
  • È attualmente Education Manager per lo European Institute of Technology and Innovation (KIC Health) e lavora a supporto di 140 partner europei (università, centri di ricerca e imprese) con l’obiettivo di promuovere l’adozione di tecnologie innovative a favore dei cittadini
  • Riccioli ribelli, un pizzico testarda, anima partenopea, decide di prendere attivamente parte a +Europa per dare voce ad una nuova Italia: giovane, smart, sostenibile e al passo con i tempi
Luana Marmo
+

Laureata al Politecnico di Torino nel 2001 con una tesi sull' evoluzione delle UI/UX interface
ho iniziato l’attività professionale in un’agenzia specializzata nella comunicazione digitale.
Ho affiancato l’esperienza lavorativa con docenze presso il Politecnico di Torino, lo IED e IAAD di Torino.
Sono stata consulente per la comunicazione digitale del Castello di Rivoli, Museo d’Arte Contemporanea e della sua web tv.
Nel 2014 fondo, assieme ad altri due soci, Design Digest un'azienda di progettazione e produzione di accessori moda in acciaio.

Federica Maschera
+

Nata a Torino nel 1997, ho vissuto a Pavia (MI) fino all'ultimo anno di liceo. Ora mi sposto tra Francia e Regno Unito, dove seguo un doppio corso di laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso Sciences Po Bordeaux e Cardiff University. Sto scrivendo una tesi sul crimine organizzato transnazionale e in futuro mi piacerebbe occuparmi di public policies. 

La politica è una mia passione, l'Europa è diventata la mia casa. Con Movimenta, a cui sono iscritta, ho trovato un gruppo di persone che ammiro e in cui credo. Con +Europa possiamo sognare in grande e costruire l'Europa del nostro domani.

Andrea Matiz
Andrea Matiz
+
  • Andrea è consigliere del gruppo +Europa di Bruxelles e durante l’ultima campagna elettorale si è occupato di analisi dei dati. Europeismo, multiculturalismo e parità tra i sessi sono le sue principali parole d’ordine.
  • Ligure di nascita, pisano di formazione e bruxelloise nel cuore, fin da bambino ha avuto due passioni: lo sport e la politica. Non è riuscito a giocare nella NBA ma ha conseguito una laurea in Scienze Politiche ed una specializzazione in Studi Europei. Bruxelles è quindi diventata la sua naturale destinazione.
  • Dopo aver lavorato per anni nella rappresentanza delle Banche Popolari, si è spostato alla Commissione Europea dove si occupa di industria automobilistica.
  • In +Europa ha trovato una vicinanza ai suoi valori e alle sue idee politiche come mai gli era successo prima. Come consigliere del gruppo +Europa di Bruxelles ci sta mettendo la faccia affinché il gruppo si radichi nel territorio e diventi una casa per tutti i liberali europei.
  • Parla quattro lingue, scrive di geopolitica sportiva, si è appassionato alla politica belga e a quella spagnola, fa volontariato, cerca di leggere più libri possibili e contribuisce alla crescita del sogno europeo con la sua famiglia trilingue e multiculturale.
Mario Mele
+

"Sono un Filmmaker, questo lavoro mi porta sempre in giro per l'Italia a conoscere nuovi luoghi, persone, aziende e imprenditori. Mi piace ascoltare queste storie, e a mia volta raccontarle agli altri con i miei video. Attraverso le interviste entro nelle loro viste, esploro altri mondi, mi parlano dei loro problemi. Proprio dopo una serie di interviste mi è venuto in mente che molti di questi problemi hanno radici nell'educazione scolastica che l'unico modo per cambiare il mondo è parte dell'istruzione, pre questo ho fondato Noscuola un laboratorio per discutere e sperimentare nuovi approcci all'educazione. 
Anche se faccio un lavoro creativo il mio background è scientifico, chimico, quando devo risolvere un problema ho due strumenti la scienza e la storia. 
Mi piace la filosofia (Socrate e Popper), la musica classica, le neuroscienze e l'intelligenza artificiale.
Da piccolo non sopportavo chi fa differenza tra materie umanistiche e scientifiche, i confini nazionali, le guerre di religione e il razzismo. All'epoca pensavo che il processo di coesione Europe e internazionale fosse naturale ed inarrestabile, purtroppo le cose non stanno andando per il verso giusto però ho deciso di impegnarmi di +."

Gabriele Melindo
+

Sono un ragazzo torinese che vive a Maastricht, nei Paesi Bassi, dove studio Arti Liberali con indirizzo in scienze socio-politiche, relazioni internazionali e integrazione europea. Da quando mi sono interessato alla politica, ho sempre sognato gli Stati Uniti d'Europa. Un anno e mezzo fa sono perciò diventato membro del direttivo locale dei Giovani Federalisti Europei, un'associazione che mi ha permesso di esprimere al massimo la mia passione europea e di trasmetterla ad altri. 

Quando +Europa è stata formata, all'inizio della scorsa campagna elettorale, ho gioito. Finalmente una lista politica che mettesse al centro del proprio nome e programma l'Europa. Finalmente una lista liberale, progressista e riformatrice con le idee chiare su come far ripartire l'Italia. Finalmente qualcuno disposto ad affrontare le paure e i problemi dei cittadini non attraverso sterile demagogia, ma con coraggio e lucidità. 

Da allora, mi sono dedicato a convincere parenti, amici e conoscenti a votare +Europa alle elezioni, spargendone il programma. Penso che l'attivismo politico debba essere un fattore importante del proprio contributo alla società ed è per questo che intendo fare la mia parte nel rendere +Europa il partito-motore della rinascita europea ed italiana. l confini nazionali mi sono sempre stati stretti. Alcuni la chiamano Europa: io la chiamo casa.

Ludovico Moreno Luna
+

Ludovico (35) vive Sciacca (AG) e sceglie +Europa perché ne condivide pienamente principi e obiettivi.
Con un’esperienza pluridecennale nel mondo dello scoutismo, attualmente esercita la libera professione di Consulente del Lavoro, iscritto all’Albo della provincia di Agrigento, oltre che lavorare alle dipendenze di una società che offre servizi alle P.M.I. in cui coordina il dipartimento delle Risorse Umane.  
Nella sua tesi di Laurea Specialistica, in Relazioni e Politiche Internazionali, ha affrontato il tema dell’autonomia territoriale degli Enti Locali dei Paesi Europei e la cooperazione internazionale allo sviluppo; recentemente ha ottenuto un Master in Europrogettazione, dove ha trattato il tema dei Fondi Europei e i meccanismi che ne regolano gli assetti e la gestione.    
A Sciacca vuole spendersi, tra le altre cose, per risolvere l’annosa questione della scarsa partecipazione, da parte degli Enti Locali e delle P.M.I. a Fondi Europei, come LIFE, AMIF o AGRIP.

Paolo Natali
+

Europeista della prima ora, credo nell'espansione delle comunita' come assunto metodologico, prima che posizione politica, nello stesso modo in cui espandere un limite porta a una visione piu' complessiva, e quindi piu' precisa, della realta'.

Mi occupo di energia: dirigo un programma per l'adozione di soluzioni rinnovabili nell'industria mineraria con il Rocky Mountain Institute, una non-profit americana la cui visione e' un futuro prospero e verdeggiante, per tutti, per sempre.

Credo nel progresso, e nell'importanza di allineare gli incentivi in modo da favorire il contributo individuale. Credo anche nella dignita' di cio' che e' artificiale, ovverosia opera d'arte e ingegno; tra gli artifici mi e' particolarmente cara la giustizia sociale, che cerca di migliorare le approssimazioni dello stato di natura. Tutto questo in modo un po' apodittico, perche' l'unica verifica che ne ho e' la mia percezione. Tuttavia, dopo aver girato il mondo per quindici anni - generando numerose scie chimiche, ma decisamente confutando la teoria della Terra piatta - ho accettato una manciata di nozioni empiriche riguardo al vivere comune.

Non sono privo di contraddizioni. Per esempio, pur sentendo il dovere di proclamare il desiderio che l'Europa resti unita, vivo a New York, grande alveare di convivenza tra culture.

Stefania Nirchi
+

Sono da circa 20 anni impegnata nell'ambito accademico, in particolare nella ricerca relativa al settore scientifico disciplinare della Didattica, Pedagogia speciale e Ricerca educativa. Negli ultimi anni ha ricoperto il ruolo di Esperto di Valutazione della qualità della didattica universitaria. Mamma di Samuele il creativo e di Cecilia ballerina classica; moglie di Dario simpatico e anche padre dei due sopra. Innamorata della bellezza nelle sue innumerevoli espressioni.

Patrick Pagani
+

Patrick (40) nato a Roma, da madre inglese e padre italiano; è sposato con una ragazza polacca, conosciuta a Bruxelles durante uno stage alla Commissione europea e con cui ha avuto una bambina di nome Gaia.
Ha partecipato alla pazza avventura che è stata la campagna elettorale della circoscrizione Europa per +Europa che ha permesso alla lista di superare l’8%. E’ tesoriere del Gruppo +Europa Bruxelles. 
Dopo la laurea in giurisprudenza, un master in Diritto europeo ed esperienze lavorative alla FAO e come assistente alla cattedra di Diritto dell’Unione Europea, decide di lasciare l’Italia ed un lavoro, per trasferirsi inizialmente per qualche mese a Bruxelles. Ci rimane 6 anni fino a quando alcuni imprenditori credono nelle competenze e professionalità acquisite e  gli offrono l’opportunità di rientrare in Italia e dirigere gli affari Istituzionali per una associazione di categoria dell’agroalimentare dove attualmente lavora. 
Ha tra i tanti sogni di diventare imprenditore agricolo, potere rivedere la Roma vincere lo scudetto, l’Italia i mondiali e conoscere Barack Obama.

Giulia Pastorella
Giulia Pastorella
+
  • Giulia (32) è stata candidata per +Europa nella circoscrizione Europa. Ultima in lista, è arrivata terza con quasi 3 mila preferenze
  • E' membro del Consiglio Direttivo di +Europa Bruxelles e promotrice del gruppo tematico +Europa Mercati 4.0
  • Si occupa di strategia di cybersecurity e data policy a livello globale per una grande multinazionale del Tech, dopo averne gestito gli affari istituzionali a Londra e Bruxelles, con responsabilità anche per l’Italia
  • Non aveva mai fatto politica attiva prima delle elezioni di marzo 2018, per quanto ci avesse “girato attorno” da tempo, per il lavoro legato alle relazioni istituzionali o lavorando in think tanks e nel mondo del giornalismo. Nel 2016 Forbes l’ha selezionata come una dei 30 più influenti under-30 in Europa nel campo di law & policy
  • Ha un PhD in Affari Europei dalla London School of Economics, presso la quale ha anche insegnato, e una laurea in filosofia e letteratura francese a Oxford. Ha insegnato a Sciences Po a Parigi
  • Appassionata di tutto ciò che implica fatica fisica – sarà per questo che ha deciso di impegnarsi in politica? – fa sport di ogni genere, dalla scherma all’arrampicata, dall’equitazione al sub
Roberto Persio
+

Cittadino europeo dal 1982.

Roberto si occupa di grandi progetti di investimento in infrastrutture per un grande player globale, curandone il processo di progettazione, gestione e realizzazione, con attenzione costante agli aspetti di sostenibilità, resilienza e innovazione. Ha vissuto e lavorato in Spagna, Regno Unito e Australia.

Dedica le proprie energie ad un’associazione di volontariato oncologico, AILAR, che supporta i pazienti oncologici nel percorso terapeutico e che ne rappresenta i bisogni per il recupero della qualità di vita.

Ha una laurea in ingegneria civile, con specializzazione in geotecnica e sismica, conseguita al Politecnico di Milano, e sta completando il corso di laurea in Major Programme Management presso l’University of Oxford.

Spesso è quello con lo zaino in spalla. Se non lo trovate su e giù dai treni, molto probabilmente è con la piccozza in mano in equilibrio tra gli elementi a cercare un po' di neve.

Michele Pescolloni
+

24 anni, laureando magistrale all'Università di Bologna in "International Affairs". Grazie a borse di studio ho potuto vivere in Costa Rica, Francia, Argentina, Giordania, Vietnam, Spagna ed altri paesi. Voglio portare avanti l'idea di una educazione per tutti e la necessità della diversità per crescere culturalmente e mentalmente.

Carla Pisi
+

Laureata nel 2016 in Giurisprudenza, oggi collaboro con Refugees Welcome Italia e sono tutrice di un  MSNA. 
Ho attualmente un contratto di collaborazione con il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Catania per la gestione  del programma di mobilità Erasmus. 
Sono una convinta europeista - merito, a mia volta del periodo vissuto a Leuven (Belgio)- e promotrice delle libertà di ciascuno nel rispetto di quelle altrui.

Sarah Poli
+

Sono laureata in medicina, specializzata in neurologia e mi occupo in particolare di patologie neurodegenerative come la malattia di Alzheimer e le demenze in generale; ho diretto un centro per i disturbi cognitivi; attualmente lavoro come medico ospedaliero.

Valeria Ronzitti
+

Nata nella città del '68 italiano e delle eccellenze universitarie Normale e Sant'Anna. 
Cresciuta tra Stati Uniti, Svizzera e Francia. 
"Internazionalista di nascita", a 9 anni si prestava a coadiuvare la correzione di bozze di testi di diritto internazionale in cambio di lauti aumenti di paghetta settimanale.
Si è laureata in Giurisprudenza con tesi sulla contrattazione collettiva europea e da li' non ha mai abbandonato la sua passione per le relazioni industriali europee. 
Approdata a Bruxelles nel 2003 le relazioni industriali europee le ha costruite "sul campo", negoziando, tra gli altri, l'accordo quadro sullo stress nei luoghi di lavoro, l'accordo su mercati del lavoro inclusivi, la revisione della direttiva congedi parentali, il quadro d'azione sull'occupazione giovanile, l'alleanza sull'integrazione dei migranti nel mondo del lavoro etc...
E` intorno ai tavoli negoziali che ha maturato la ferma convinzione della necessità e della possibilità di sviluppare un diritto del lavoro europeo e delle politiche macroeconomiche forti e strutturate affinché "united in diversity" non resti solo un bellissimo motto.
A Bruxelles ha anche messo su famiglia ed ha sperimentato come infrastrutture sociali e asili nido pubblici di qualità siano la chiave per la parità di genere e per rompere il "soffitto di cristallo".

Federica Sabbati
Federica Sabbati
+
  • Federica (46) coordina il gruppo di +Europa a Bruxelles. È nata a Trieste, città mitteleuropea dallo spirito internazionale, ma ama definirsi cittadina d’Europa
  • Dopo gli studi in Italia si è specializzata in Russian and Post-Soviet Studies alla London School of Economics, a testimonianza del suo interesse e della sua passione per la valorizzazione delle culture diverse, delle persone e della politica
  • A 29 anni è diventata segretario generale dell’Internazionale Liberale, e in seguito del Partito Europeo dei Liberal-Democratici (ALDE). Ha ricoperto in seguito la carica di vice presidente per lo European Movement International, di European Affairs Manager presso la Coca Cola Company, ed è attualmente segretario generale della European Heating Industry
  • L’Europa, l’integrazione, la condivisione sono il comune denominatore della sua vita. Proprio per questo le è venuto naturale unirsi e riconoscersi nei valori di +Europa
  • Federica il suo progetto per un’Europa unita lo coltiva ogni giorno anche a casa. Vive a Bruxelles con Kai, il suo amore tedesco, e Bastian e Nicolas – i due bambini che le correggono l’accento in francese. Valla a trovare: ti stupirai dell’alternanza di italiano, inglese, francese, tedesco, fiammingo che animano la sua casa e la ricchezza della diversità che alimenta apertura, unione, tolleranza, conoscenza e rispetto.
Nicolò Scibelli
+

Nato a Venezia 22 anni fa, lo stesso giorno di Fidel Castro. Liberale per formazione, cultura e scelta. Studente di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università di Roma ""La Sapienza"".

Faccio politica tutti i giorni e senza partito fin da giovanissimo, o almeno ci provo. Al liceo, per strada, all'università...
Tre anni fa mi sono avvicinato a Radicali Italiani, oggi mi impegno affinché in +Europa sia dato lo stesso valore al pluralismo e alle diversità.

Amante delle Libertà. 

Giuseppe Scognamiglio
+

Da settembre 2018 insegna “Scenari geopolitici e rischio politico” presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università LUISS. È Fondatore e Presidente del centro di ricerca e formazione “eastwest European Institute”, legato alla rivista di geopolitica eastwest di cui è Direttore editoriale dal 2016 e fondatore nel 2003. Ex manager di UniCredit e Vice Presidente Esecutivo per gli Affari Istituzionali e Regolatori, è stato membro del Comitato Esecutivo ABI, dei Board di Yapikredi e di UniCredit Bank Russia. Diplomatico dal 1989, si è occupato di Nazioni Unite (diritti dell’uomo e pari opportunità) e ha rappresentato il nostro Paese in Turchia ed in Argentina. Ha ricoperto la carica di Consigliere Diplomatico nei Ministri del Commercio e dell’Industria ed è stato Capo Segreteria del Ministro degli Affari Esteri Renato Ruggiero.

Marco Aurelio Stefanini
+

Classe 1996, nato a Roma da padre italiano e madre colombiana. Studente di Scienze Politiche alla Sapienza e giornalista pubblicista. Entro nel mondo della politica grazie allo sport, mia grande passione, e al loro modo di intrecciarsi. Credo nel progetto di Più Europa perché davvero dalla parte dei giovani. Nel cassetto il sogno di diventare giornalista sportivo ma soprattutto di poter avere un impegno civile volto a migliorare questo paese anche attraverso la dialettica dello sport, forse di più facile comprensione per tutti e sotto certi versi vicente. Come diceva Albert Camus " Ce que je sais de la morale, c’est au football que je le dois".

Livio Tarchi
+

Nato a Messina, ho sempre vissuto a Prato. Ora studio Medicina in lingua Inglese a Pavia , dove ho l'opportunità di confrontarmi con molti studenti provenienti da tutto il mondo. La mia più grande passione è la Psichiatria, ma l'Informatica e la Tecnologia mi hanno sempre stimolato.
La politica mi ha spesso accompagnato. La mia prima esperienza è stata, durante il liceo, presso il Parlamento Regionale degli Studenti in Toscana. Spero ora di replicare la mia esperienza altrove, e di dare la stessa opportunità ad altri ragazzi come me. 
+Europa è riuscita a mettermi sempre in gioco, ma la vera differenza è stata farmi incontrare tante persone competenti e capaci con molti sogni nel cassetto.
+Europa per me è la soluzione al disfattismo e alla passività, un vero e proprio incubatore per idee ambiziose ed innovative!

Federica Thiene
+

• Federica (53) artista relazionale è fondatrice di artway of thinking, nome collettivo con cui dal 1993 studia ed applica pratiche di social engagment e community managment. Negli anni ha coordinato oltre 60 progetti di sviluppo socio-culturale a livello internazionale e formando migliaia di persone. E’ co-autrice della Co-Creation Methodology, sviluppata per velocizzare i processi di apprendimento e co-creazione. La metodologia, con una toolbox di 130 strumenti, agevola il lavoro di gruppo interdisciplinare e transculturale, come risposta contemporanea alla lettura dei sistemi complessi e alla produzione di innovazione. Creatività, cooperazione, visione sistemica, trans-disciplina, co-working, we-economy, economia solidale, sono i principali paradigmi applicati.

 

• Ha una laurea magistrale in arte con Master in Fine Arts alla University of California Santa Barbara ed è stata ricercatrice all’Università Di Bologna Alma Matter. 

 

• Per lei fare politica è innanzi tutto riappropriarsi della bellezza e dell’armonia di cui ogni essere umano è portatore, agendole poi responsabilmente affiche diventino consapevolezza pubblica.  “Solo così, amandoci potremmo amare ciò che sta fuori di noi diventando veri politici, ovvero azionisti del bene pubblico”.

 

• E’ co-fondatrice di Movimenta. Alle ultime elezioni è stata candidata con +Europa nella circoscrizione Veneto 2.

 

Se la cercate la troverete sicuramente ad ascoltare o parlare in mezzo alla gente o a studiare i meccanismi che governano la vita.

Francesco Tomasini
+

Fieramente bresciano, Francesco si è recentemente laureato in giurisprudenza con una tesi sui sistemi elettorali.

È responsabile comunicazione del Gruppo +Europa Brescia, di cui è membro fondatore.

Si sta attualmente adoperando per formare un coordinamento stabile tra i Gruppi +Europa del Nordest, con i quali a breve lancerà il primo evento congiunto. 

È stato Presidente di una associazione calcistica i cui tesserati erano in parte ragazzi italiani e in parte ragazzi africani richiedenti asilo. Esperienza particolarmente arricchente, assai più della sua fallimentare carriera come calciatore.

È stato rappresentante degli studenti, prima al liceo e poi in università, ed è stato recentemente eletto Consigliere del suo quartiere.

Tommei
Stefano Tommei
+
  • Stefano (32), toscano ostinato, cresciuto fiero di essere cittadino europeo, si riconosce immediatamente nel messaggio positivo di +Europa per affrontare le sfide del futuro, più uniti e integrati. Si attiva immediatamente per dare sostegno alla lista, la vede entrare in Parlamento e non vede l’ora di contribuire a farla diventare partito al Congresso.
  • Laureato in Relazioni Internazionali e con un diploma in Studi Diplomatici: il profilo del NEET per eccellenza… Eppure, grazie all’Europa di Schengen e delle borse di studio può partire per una esperienza di lavoro all’estero, dove viene apprezzato ed assunto.
  • Dopo essersi occupato di progetti europei legati all’innovazione strategica, ha l’opportunità di entrare nel mondo della finanza per una grande banca d’investimento. Al momento è team leader di un gruppetto internazionale di 9 contabili e può confermare che, se fatta bene, la finanza non morde.
  • Crede fermamente nella solidarietà nazionale che ad oggi si può declinare perfettamente nei concetti di equità intergenerazionale e di sviluppo sostenibile. Un’Italia solidale sarebbe la stella più brillante della bandiera blu!
Valeria Troia
Valeria Troia
+
  • Valeria è stata Assessore del Comune di Siracusa dal 2014 al 2017, con deleghe alle politiche innovvative, scolastiche ed educative, università, volontariato e periferie. Dal 2016 al 2017 ha coordinato in Anci il gruppo “Competenze digitali ed innovazione sociale”. Convinta sostenitrice del fatto che sia tempo di prendersi il disturbo, assumendosi qualche responsabilità in più, fonda nel 2018, a Siracusa, il movimento civico “Prossima”, e accetta lo stesso anno la sfida di coordinare insieme ad Andrea Bartoli e Toti Di Dio il gruppo Movimenta in Sicilia, che a soli sei mesi dalla sua nascita conta già migliaia di chilometri fatti, numerose persone salite a bordo e una visione dell’isola 2030 in via di costruzione.
  • Co-founder nel 2010 di Rem, impresa che si occupa di sostenibilità ambientale attraverso la produzione di energia da fonti rinnovabili, è anche consulente per enti pubblici e privati in progettazione europea e sviluppo di politiche per l’innovazione, welfare, scuola, povertà educativa e formazione professionale
  • Ha 37 anni e un bimbo di 7 convinto di essere un super eroe.
  • Quando quattro anni fa ha deciso di entrare in politica – accettando l’incarico di Assessore della sua città – le è stata più volte attribuita l’etichetta di “diversamente politica”: da allora ha preso quel “diversamente” come modello da sperimentare ogni giorno
  • Ha una laurea in pedagogia, un master in progettazione Europea, un corso in progettazione partecipata e facilitazione di processi complessi. Ha sfidato già una volta la sorte uscendone vincitrice, ha insegnato in un carcere per minori, ha attraversato la pancia della terra (caverne sotteranee) con un gruppo di ragazzi speciali dimostrando che la diversità può essere una grande ricchezza per tutti
Ettore Trozzi
+

Appassionato di diritti umani e europeista convinto!

Vincenzo Zappino
+

Calabrese di origine, emiliano d’adozione, economista di formazione, e viaggiatore per vocazione, da oltre vent’anni mi occupo di sviluppo turistico, culturale e urbano. Nel 1997 ho fondato insieme al mio fraterno amico Sergio una piccola società di consulenza che, negli anni, ha realizzato progetti di sviluppo in oltre quaranta Paesi diversi, lavorando per Organizzazioni Internazionali, come Nazioni Unite e Banca Mondiale, e Governi Nazionali e locali. Di recente, ho fatto parte del gruppo di esperti dell’UNESCO (2011-2015) nell’ambito della Convenzione 2005 (Diversità Culturali) e ho rappresentato il MIUR (2014-2017) nel Comitato Permanente del Turismo istituito dal MIBACT per la realizzazione del Piano Strategico di Sviluppo Turistico dell’Italia. 
Sono un europeista convinto di “nome e di fatto”: io italiano, la mia compagna francese e tre meravigliosi bambini nati tra Belgio e Francia. La mia società è in Italia, a Cosenza, e io a Bruxelles e prima ero a Parigi e prima ancora a Maastricht. L’Europa è casa mia e vorrei che lo fosse anche per i miei figli.

Il partito che vorresti

Raccogliamo le tue idee per costruire +Europa insieme 
Sostienici

Sondaggio

 
1 Pagina 1 2 Pagina 2 3 Pagina 3 4 Complete
1

Sei già iscritto a +Europa?

2

Qual è la tua motivazione a iscriverti a +Europa?

Attraverso quali canali (o persone) sei entrato in contatto con +Europa?

2

Perché stai pensando di iscriverti a +Europa?